In questo video Alessandro Barbetti ci spiega come regolare gli effetti per chitarra per ottenere 3 suoni di chitarra che hanno fatto un po’ la storia nel loro genere utilizzando solo Chorus e Delay.

In particolare spazieremo dal rock, al progressive metal per poi tornando nel pop rock. Il protagonista del primo suono è David Gilmour, poi per il secondo John Petrucci ed infine un brano di Vasco Rossi.

Prima di provare nuove regolazioni assicurati di non commettere i 3 errori comuni che distruggono il tuo suono. Scarica gratuitamente la Guida Veloce agli Effetti per Chitarra (clicca qui).

Hai già visto la guida? E’ ora di passare al corso avanzato: Il Mago degli Effetti (clicca qui per scoprire di cosa si tratta).

Altre lezioni interessanti sugli Effetti per Chitarra:

Delay e Chorus

Il delay ed il chorus sono 2 effetti che messi insieme fanno subito un suono anni 80-90. Un po’ per gli arpeggi, un po’ per delle ritmiche particolari.

Andiamo con ordine…

Suono #1 David Gilmour: Run Like Hell

Il primo suono che andiamo a vedere è di un chitarrista famoso pazzesco, David Gilmour. Il brano è Run Like Hell.

Lo Small Clone della Electro Harmonix, il Chorus che ho utilizzato, prevede che ci siano solo 2 modi per settare il parametro “Depth“. Io l’ho settato sulla modalità che ha un forte Depth, quindi se hai un altro pedalino, come quello della Boss che ha una manopola per il Depth dovrai metterlo quasi al massimo.

Il parametro Rate invece è molto più morbido. Quindi più lento.

Il Delay invece è sugli ottavi puntati del tempo della canzone (clicca qui per saperne di più su come settare gli ottavi puntati).

Le ripetizioni sono molte perchè mi serve che si senta una lunga coda di delay nel momento in cui faccio gli accordi e li lascio suonare.

Il mix del Delay lo teniamo alto al 50%, così con l’effetto in serie, il volume della prima suonata è uguale alla prima ripetizione.

Suono #2 John Petrucci: Pull Me Under

Uno dei miei gruppi preferiti i Dream Theater anche se adesso li ascolto molto meno di una volta. La prima traccia di Images And Words, un album stupendo. Alla chitarra il mitico John Petrucci.

Come avete sentito c’è il delay e c’è il chorus. Il chorus è molto profondo e lento, quindi con il depth abbastanza spinto come prima, ma non esageriamo con il rate.

Il mix del Delay non deve essere troppo alto. Le ripetizioni devono essere al massimo 2 o 3.

Suono #3 Vasco Rossi: Vita Spericolata

In questo caso, per quanto riguarda il chorus, il depth è regolato con meno profondità perchè se no mangerebbe il suono.

Il rate in questo caso, essendo un arpeggio lo teniamo molto morbido e quindi lento.

Anche il delay qui è molto indietro come presenza. Il mix molto limitato, le ripetizioni sono 3-4 ed il tempo è sugli ottavi puntati.

In questo modo riesci ad ottenere un suono morbido che accompagna e fa da sottofondo al nostro arpeggio.


Ti è piaciuto l'articolo? Clicca qui per ricevere i prossimi aggiornamenti su lezioni, tutorial e articoli direttamente sul tuo smartphone (con il nostro canale Telegram di Chitarra Facile).