Effetti per Chitarra: nozioni base sul Delay, vediamo una panoramica su cos’è, come si usa, varie regolazioni e cosa cambia tra i delay digitali (per esempio i pedalini) e quelli a bobine di una volta.

Vediamo anche degli esempi di regolazioni e suoni che possiamo ottenere con il delay che poi possiamo abbinare agli altri effetti per chitarra.

Prima di provare nuove regolazioni assicurati di non commettere i 3 errori comuni che distruggono il tuo suono. Scarica gratuitamente la Guida Veloce agli Effetti per Chitarra (clicca qui).

Hai già visto la guida? E’ ora di passare al corso avanzato: Il Mago degli Effetti (clicca qui per scoprire di cosa si tratta).

Guarda anche…

Differenza tra Delay e Riverbero

Cominciamo con lo spiegare qual’è la differenza tra Delay e Riverbero, che sono entrambi effetti di ambiente. Il Riverbero è più un rimbombo tipico di ambienti come stanze o chiese, mentre il Delay è l’eco, quello che si sente tra le montagne per esempio.

Tra le regolazioni che Alessandro Barbetti ha fatto sentire nel video potrai sentire come cambia il suono utilizzando prima un Delay e poi un Riverbero.

Storia del Delay

All’inizio non esistevano i Delay come li conosciamo adesso, dentro le scatole colorate, insomma… i pedalini o pedali.

Inizialmente i Delay erano fatti da bobine con un nastro che giravano e riproducevano il suono. Solo che questo modo di fare il delay aveva dei contro, si rovinava il suono ovviamente, non era perfetto. Eppure molti preferiscono anche oggi il suono del delay rovinato delle bobine.

Il nome giusto di questo tipo di delay è “Tape Delay“, che prende il nome dal nastro.

I Controlli più Importanti del Delay

Il primo è il controllo “Time” o Tempo. E’ la velocità o il tempo che passa tra una ripetizione ed un’altra. Può essere chiamata in diversi modi, ma questo sicuramente ce l’hai nel tuo pedale.

Il controllo “Repeat” invece è il numero di ripetizioni che vuoi far sentire prima che il suono sparisca. Più lo alzi, più saranno le ripetizioni.

Il controllo “Mix” o “Level” ti permette di agire sul volume di queste ripetizioni. Sopra il 50% avrai un volume della prima ripetizione che sarà più alto di quello che stai suonando. Fai attenzione quindi.

Utilizzi più Comuni

Di solito si utilizza per dare ambiente sia a ritmiche che assoli.

Attenzione però a non mettere il delay fuori tempo perchè se no è molto brutto da sentire.

In una delle regolazioni dell’effetto per chitarra che puoi vedere nel video (la prima) puoi sentire un crunch (suono leggermente distorto con overdrive) con delay da utilizzare nella ritmica.

Negli assoli il tempo è un po’ meno importante, ma è sempre meglio metterlo a tempo ed avere sempre il volume della prima nota molto più ad alto volume rispetto alle ripetizioni successive.

Cos’è il Tap Tempo?

Il Tap Tempo è molto utile per mettere a tempo il tuo delay su una canzone. In pratica quando ho questa funzione attiva (se ce l’ho nel pedale o effetto che sto utilizzando), posso tenere il tempo del brano schiacciando a tempo un pulsante con il piede e il delay prenderà il tempo che gli hai dato.

In questo modo sarà molto facile mettere a tempo velocemente il delay.


Ti è piaciuto l'articolo? Clicca qui per ricevere i prossimi aggiornamenti su lezioni, tutorial e articoli direttamente sul tuo smartphone (con il nostro canale Telegram di Chitarra Facile).