Perchè dovresti rovinare il plettro prima ancora di utilizzarlo? E quanto questo incide sul suono della tua chitarra? Ce lo spiega Riccardo Bertuzzi, chitarrista Mediaset.

Se non hai ancora approfittato dell’offerta di lancio de “Il Mago degli Effetti” clicca qui.

Se ti interessa vedere l’intervista completa a Riccardo Bertuzzi clicca qui: intervista completa.

Risorse

Vuoi aumentare la tua velocità? Clicca qui.

Vuoi imparare a suonare da zero? Clicca qui.

Commetti anche tu i 3 errori comuni con gli effetti per chitarra? Clicca qui.

Scopri il corso “Chitarra in 30 Giorni”.

Riepilogo di questa lezione di chitarra

Già chitarra e plettro per il suono fanno tanto, anzi, a margine di questo mi permetto di fare una considerazione rivolta a colui che di solito va alla ricerca del suono della chitarra.

Siamo tutti quanti, purtroppo per i nostri portafogli, disposti a spendere migliaia di euro in pedaliere ed effetti vari, senza dare troppo peso ad un elemento molto economico che invece può fare la differenza. Il plettro.

Io a volte con 80 centesimi di plettro stravolgo il mio suono. Ovviamente come sempre bisogna lavorare sul tocco, quindi il famoso discorso della mano che fa il suono… e qui si aprirebbe un capitolo importante e potremmo andare avanti a parlarne per un bel po’.

Però all’interno di questa considerazione, “La mano fa il suono“, c’è proprio l’utilizzo del plettro, quindi a monte la scelta del plettro e poi il modo di utilizzarlo.

David: A questo proposito, Martedì è uscito il mio corso sugli effetti “Il Mago degli Effetti” dove c’è proprio una lezione che parla di tutte quelle sfumature di suono che non derivano dagli effetti, ma da qualcos’altro. In modo che lo studente possa anche riconoscere se un particolare suono sia stato formato da una regolazione degli effetti o da una cosa completamente diversa.

Io in quanto fan di Bill Frisell, ho fatto mio un certo modo di eseguire una specie di vibrato facendo oscillare il manico della chitarra. Questo a volte può essere interpretato come qualcos’altro, invece è solo un’oscillazione del manico.

E comunque è ovvio che banalmente, il plettro posizionato al ponte o al manico fornisce un suono completamente diverso.

Io ho una serie sconfinata di plettri, sono diventato un maniaco, prima o poi ne uscirò! Per il programma “Music” di Paolo Bonolis ho utilizzato un Fender medium rovinato. Rovino sempre quasi tutti i plettri per avere più attacco o più soffio e presenza nell’attacco. L’ho usato anche girato di spalla.

Poi ho utilizzato anche dei Dunlop Ultex Sharp di varie misure, 90, 1 e 2 millimetri.


Ti è piaciuto l'articolo? Clicca qui per ricevere i prossimi aggiornamenti su lezioni, tutorial e articoli direttamente sul tuo smartphone (con il nostro canale Telegram di Chitarra Facile).