Share Button

Chitarra semiacustica Ibanez Artcore AF75Ecco una recensione scritta da un chitarrista per SuonareChitarra.com sulla chitarra semiacustica Ibanez Artcore AF75.

Ho una chitarra semiacustica Ibanez Artcore AF75. E’ stato un regalo di compleanno di alcuni mie amici. Lo strumento si presenta molto bene: il colore sfumato della cassa e tutti gli elementi che lo compongono (dal ponte alle chiavi del manico, dai tasti dei controller ai fermatasti, dalle effe inconfondibili sulla cassa alla bombatura del corpo) sono impeccabili. Insomma, l’estetica è un primo punto a favore di questa chitarra. Chi non conosce il mondo degli strumenti musicali e i loro listini trova difficoltà a capire che questa prodotto è alla portata di tutti.

Chitarra Semiacustica Ibanez Artcore AF75

I modelli Artcore si aggirano intorno a un costo medio di 300 euro. Di certo, è un prezzo leggermente più alto di quello con cui si presentano sul mercato i modelli base stratocaster, ad esempio. Ma qui si parla di chitarre semiacustiche: trecento euro non sono molto in confronto ai modelli Gibson, punto cardinale per questo genere di chitarre. Duemila euro, in quel caso, sono il budget minimo.

Il secondo punto a favore della chitarra semiacustica Ibanez Artcore Af75 è la comodità con cui si suona. Il manico in palissandro, come ogni manico Ibanez in genere, non smentisce la sua praticità e facilità di esecuzione. E’ una chitarra con la quale si entra subito in sintonia: pochi fronzoli, comandi volume e pickup a portata di mano (sono quattro le rondelle, due per la selezione, due per il volume). L’Artcore non ha molto da invidiare, in quanto a piacere di esecuzione, ad altri prodotti più blasonati (i famosi Signature models) di questa casa produttrice.

Versante Mediocre: il suono. Non aspettatevi la rotondità delle chitarre ascoltate durante il concerto Jazz del vostro idolo. Le piastre montate sull’AF75 fanno quello che possono. Meglio la piastra al ponte di quella al manico. E’ più calda e avvolgente come sonorità. La cassa, di larghezza media, ogni tanto (almeno sul mio modello!) crea qualche riverbero fastidioso e qualche vibrazione sconnessa in più. In ogni caso, comunuqe, non ci si può lamentare per uno studio ed esecuzioni di cerchia domestica.

In definitiva? Se state imparando il Jazz e cercate uno strumento affidabile, comodo da usare e che faccia la sua bella figura. E’ la vostra chitarra.

Share Button