Suonare Chitarra . com

Il Blog del Corso di Chitarra più Facile. Per chi vuole Divertirsi

Chitarristi Famosi: Imparare da Steve Lukather

Share Button

Steve Lukather - Imparare Suonare ChitarraChitarristi Famosi: come secondo articolo della serie “Imparare dai chitarristi famosi” ho scelto di parlare di Steve Lukather.

Clicca qui se non hai ancora letto l’introduzione a questa serie di articoli.

Non è sicuramente famoso come il primo di cui abbiamo parlato (Angus Young), ma Steve Lukather, ex chitarrista dei Toto, è sicuramente un punto di riferimento importante nel panorama della musica rock. Come ho detto nell’introduzione a questa serie di articoli, qui parleremo solo degli aspetti positivi del suo modo di suonare e di ciò che ci può insegnare questo artista e chitarrista.

Cominciamo subito con ciò che più lo ha reso famoso come chitarrista solista…

(se non hai mai suonato la chitarra e vuoi imparare clicca qui)

Il Suono

Steve Lukather ha passato talmente tanto tempo a perfezionare il suo suono inteso sia come tocco che come effettistica che è riuscito a diventare per questo un punto di riferimento soprattutto da quando è passato ad utilizzare una Music Man.

Addirittura si parla di Luke Sound quando si parla del suo suono o quando si ricerca un suono simile. Il Luke Sound è figlio di una vera e propria mania del chitarrista ad inseguire il suono perfetto. Si tratta di un suono grosso, pastoso ed aggressivo, ma allo stesso tempo si fa apprezzare per la sua eleganza e raffinatezza. Il Luke Sound è il suo vero marchio di fabbrica.

Quello che lo rende molto interessante, dal mio punto di vista, è sicuramente il fatto che non si tratta di un suono esagerato. Tutti i componenti del suono sono assemblati in un’armonia perfetta che non trabocca a differenza di molti altri chitarristi virtuosi. Presenta diverse sfumature e diverse componenti come chorus, distorsione, riverbero ed altro, ma tutto bilanciato con estrema precisione.

Consiglio pratico: segui l’esempio di Steve Lukather e cerca di bilanciare il tuo suono in modo più modesto. A volte, togliere è molto più importante di aggiungere e ti offre dei risultati che ti potranno sorprendere. Togli un pò di distorsione, togli un pò di chorus, cerca di fare in modo che sia il suono della chitarra ad essere protagonista prima di tutto e non gli effetti.

Per ascoltare il Luke Sound ti consiglio di ascoltare questa canzone dell’ultimo album di Steve Lukather:

Switch Pulito e Distorto

Quando Steve suonava e creava con i Toto ha mostrato altre capacità di alto livello. Una di queste era la scelta dell’utilizzo del suono pulito e del suono distorto.

Ci sono chitarristi che utilizzano solo il suono pulito, altri che utilizzano solo il suono distorto, poi ci sono quelli che utilizzano entrambi. Tra quelli che utlizzano entrambi i suoni devo riconoscere che in pochi riescono a bilanciare i due suoni come lo fa Steve Lukather.

La scelta del suono pulito/distorto, a volte l’utilizzo di una via di mezzo è sempre perfetta e si amalgama molto bene nella canzone senza farlo pesare.

A volte si pensa solo a togliere il distorto nella strofa e rimetterlo nel ritornello e negli assoli. Con Steve Lukather non è tutto così scontato. Puoi capire bene cosa intendo in Rosanna dei Toto:

Consiglio Pratico: se scrivi canzoni con il tuo gruppo fai molta attenzione a questo aspetto che molte volte è un aspetto sottovalutato ma che può dare una marcia in più alle tue creazioni e arrangiamenti.

Dinamica e Moderazione

Due delle caratteristiche che sicuramente Steve Lukather ha dovuto sviluppare per suonare in un gruppo come quello dei Toto sono sicuramente la dinamica e la moderazione.

Per dinamica si intende la capacità di alternare suoni forti a suoni più lievi, giocando con il tocco del plettro sulla chitarra ed anche la capacità di mettersi in sottofondo quando ce n’è bisogno.

Per moderazione intendo la tendenza a non strafare, ma rimanere sempre composto senza cercare di sopravvalere sugli altri componenti del gruppo. Non ci sono strofe dove il chitarrista cerca di farsi notare con virtuosismi impossibili… anche se ne è capace.

Due qualità molto apprezzabili in un chitarrista tenendo presente che solitamente noi chitarristi vogliamo sempre essere un pò protagonisti. Certo, a volte è necessario, ma nella maggior parte dei casi si esagera. Per questo, acquisire un pò di moderazione e migliorare la dinamica per lasciare spazio anche agli altri strumenti non è male ;-)

Un ottimo esempio di queste qualità le puoi trovare in Hold the Line dei Toto. Fai attenzione a come, durante la strofa, il suono della chitarra si fa molto più timido e con un volume decisamente più basso. Nota anche come, nel ritornello, pur essendo la chitarra la protagonista, sia comunque molto composta e non sia “troppo”.

Consiglio Pratico: riesci a farti da parte ogni tanto durante le canzoni o cerchi di essere sempre protagonista? Ricorda che riesci ad essere più apprezzato se diventi protagonista solo nei momenti giusti!

Tocca a te

Molto probabilmente ci sono altre cose che si possono imparare da Steve Lukather, per questo chiedo aiuto a te.

Scrivi un commento per dire cosa ne pensi o per aggiungere qualcosa che si può imparare dal chitarrista in questione.

Share Button

3 Comments

  1. Grandissima recenzione per un Grandissimo Chitarrista. Steve fa parte di quella lunga lista di ottimi chitarristi; un tuttofare, ha una pulizia di suono pazzesca, anche in distorto. E’ uno che può spaziare in tutti i generi perchè ha una padronanza pazzesca della musica e dello strumento. Adoro i Toto, hanno uno stile unico e sono tutti musicisti con i controca**i e il bello di quella band è che ogni album è da ascoltare perchè sono veri capolavori; anche se non hai mai sentito parlare di loro (pentiti subito) puoi tranquillamente scegliere un’album a caso, perchè si cade sul sicuro.
    Cmq una cosa non la condivido, ovvero che Steve non fa virtuosismi. EGLI li fa eccome, non sempre ma qualche volta li tira fuori, esempio in White Sister nell’album Hydra (pezzo strepitoso!)

  2. David Carelse

    January 16, 2013 at 2:14 pm

    Grazie Frank. Si lui li fa i virtuosismi, ma non si può classificare come virtuosista.

  3. Penso che sia uno dei migliori chitarristi in assoluto, e questo credo di poterlo dire visto che lo seguo da sempre (35 anni). Confrontato con altri grandi, posso confermare ciò che hai detto: lui suona in funzione del brano con le dinamiche che il brano stesso richiede senza eccessi . E’ un chitarrista melodico eccezionale e lo potete notare molto in brani come “The truth” oppure “Song for Jeff”.
    Per quanto riguarda il sound, l’ho visto suonare con un Cry baby, un TS808 ibanez, un chorus ed un delay ed il suono era sempre il suo. Ovviamente la chitarra era sempre una delle sue MM Luke Family factory, ma ciò che determina il Luke sound è, secondo me, il suo tocco. Tutto il resto è relativamente determinante.
    David, complimenti per tutto ciò che fai.
    Maury

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*

(C) Copyright - DMC srls - Via Ampere 16 - Padova 35136 (PD) - david@suonarechitarra.com - PRIVACY