Share Button

Chitarristi Famosi: oggi parliamo di George Harrison, il chitarrista di una delle band più famose e influenti al mondo… i Beatles.

George Harrison è nato il 25 Febbraio del 1943, anche se lui affermava di essere nato un giorno prima, il 24, ma poi la madre di George ha dichiarato che era nato 10 minuti dopo la mezzanotte e quindi la data di nascita ufficiale è il 25 Febbraio.

Harrison è noto per essere il chitarrista, più volte da accompagnamento che non solista, dei mitici Beatles.

La persona che scoprì il talento e la passione di George Harrison per la musica e soprattutto per la chitarra fu la madre che si era accorta dei disegni delle chitarre che George faceva sui quaderni. Così gli regalò una Gretsch Duo Jet da cui lui non volle mai separarsi (la chitarra si vede anche nella copertina di Cloud Nine del 1987).

All’età di 13 anni fondò con suo fratello i Rebels, il suo primo gruppo. Dopo soli 2 anni una persona si impressionò del suo modo di suonare… era Paul McCartney, compagno di scuola che nota il suo talento e lo propone a John Lennon per fargli suonare la chitarra nel suo gruppo, i Quarrymen. George però è giudicato troppo giovane da John Lennon, anche se comunque riconosce che la sua bravura e il suo talento potranno essere indispensabili per il suo gruppo.

Così, George comincia a seguire i concerti dei Quarryman facendo il sostituto del loro chitarrista ufficiale quando questo non poteva e nel 1959 diventa il chitarrista ufficiale di quella band che cambierà il nome in Beatles.

All’epoca del primo ingaggio ufficiale dei Beatles ad Amburgo il gruppo fu costretto a rinunciare per via di una segnalazione (probabilmente del primo impresario abbandonato dai Beatles per un contratto più favorevole a loro proposto) che svelava la minore età di George Harrison.

Il ruolo di George Harrison nei Fab Four fu sempre marginale rispetto alla presenza mediatica di John Lennon e Paul Mc Cartney. Harrison però fu comunque un elemento fondamentale per il sound dei Beatles, infatti è stato quello che ha sempre spinto la chitarra ad un ruolo sempre meno arginale nell’insieme degli strumenti.

La sua prima composizione all’interno dei Beatles fu Don’t Bother Me, che puoi ascoltare qui:

George Harrison crebbe così velocemente che già nel 1965 era un punto di riferimento importante per gli altri chitarristi dell’epoca.

La Cultura Indiana

In quegli anni George Harrison si avvicina alla cultura indiana e soprattutto allo strumento chiamato sitar. Il sitar è uno strumento che è lontanamente simile alla chitarra. Ha tre corde e la cassa armonica è fatta da una mezza zucca.

George si avvicina anche alla spiritualità indiana e alla loro religione e questo cambia totalmente il suo modo di vedere e sentire le cose. Il suo modo di comporre cambia drasticamente.

Harrison contagia anche Pual McCartney e John Lennon e le composizioni che più rappresentano il cambiamento di George in quel periodo furono cronologicamente Love You To, già con il titolo provvisorio Granny Smith, Within you Without you e The Inner Light di cui la base musicale fu registrata interamente a Bombay con musicisti del posto.

Puoi sentire proprio The Inner Light in questo video:

La Separazione dai Beatles

Un pò per la sua ossesione per l’India, un pò per la decisione di non fare più viaggi in India da parte degli altri 3 e un pò per il carattere difficile di Paul McCartney si creano le prime divergenze nel gruppo.

Negli album successivi però George continua a mostrare il suo reale valore, pur essendo sempre considerato come il terzo beatle. Le sue capacità e le sue influenze nel gruppo sono molto forti e importanti, ma l’attenzione cade sempre su John Lennon e Paul McCartney. Questo gli da un senso di frustrazione, ma anche una voglia di riscatto.

Al momento della separazione Harrison si trova con molto materiale da proporre che in parte raccoglie in un triplo album che le cui vendite complessivamente sono state superiori a McCartney e John Lennon -Plastic Ono Band messe insieme.

La Morte

Da molto tempo George aveva deciso di vivere isolato in campagna o su un isola, ma questo non servì ad evitare, nel 1999, che una persona lo accoltellasse per ben 10 volte. Quella volta fu la moglie a salvarlo rompendo una lampada in testa all’aggressore. George Harrison muore il 29 Novembre del 2001 a 58 anni.

Share Button